Variante Covid-19: sette domande e sette risposte per saperne di più

ll British Medical Journal (una delle riviste di medicina più antiche del mondo) fa il punto sulla nuova variante di Sars-Cov-2 registrata in Inghilterra, Danimarca, Olanda e Australia

Variante Covid

Variante Covid

globalist 20 dicembre 2020

Jaqui Wise, giornalista scientifico di BMJ, il British Medical Journal (una delle riviste di medicina più antiche del mondo controllata dalla British Medical Association) risponde ad alcune domande relative alla variante di Covid-19 registrata in Inghilterra, Danimarca, Olanda e Australia. I primi casi di questa variante di Covid-19 sono stati segnalati nel sud-est della Gran Bretagna e per questo c'è grande attenzione rispetto a quest'area del mondo. Anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato i casi. Grande è la preoccupazione in tutto il mondo scientifico anche se le varianti sono un modus operandi di tutti i virus, compreso quello dell'influenza.
Cosa sappiamo di questa nuova variante SARS-CoV-2?
È stato chiamato rapidamente VUI-202012/01 (la prima "Variante in fase di studio" nel dicembre 2020) ed è definito da una serie di 17 cambiamenti o mutazioni. Una delle più significative è una mutazione N501Y nella proteina spike che il virus utilizza per legarsi al recettore ACE2 umano. I cambiamenti in questa parte della proteina spike possono, in teoria, far sì che il virus diventi più infettivo e si diffonda più facilmente tra le persone.


Come è stata rilevata la variante?
È stato individuata dal consorzio Covid-19 Genomics UK (COG-UK), che studia il sequenziamento genetico casuale di campioni covid-19 positivi in ​​tutto il Regno Unito. Il consorzio è una partnership delle quattro agenzie di sanità pubblica del Regno Unito, nonché del Wellcome Sanger Institute e di 12 istituzioni accademiche.
Da quando è stato istituito nell'aprile 2020, il consorzio ha sequenziato 140.000 genomi di virus da persone infettate da covid-19. Utilizza i dati per tenere traccia delle epidemie, identificare varianti di virus e pubblicare un rapporto settimanale (https://www.cogconsortium.uk/data/ ).

Quanto è comune questa variante?
Al 13 dicembre, 1108 casi con questa variante sono stati identificati nel Regno Unito in quasi 60 diverse aree. Questi casi si sono verificati prevalentemente nel sud-est dell'Inghilterra, ma ci sono state segnalazioni recenti anche in Galles e Scozia.
Nick Loman, professore di genomica microbica e bioinformazione presso l'Università di Birmingham, ha detto a un briefing del Science Media Center il 15 dicembre che la variante è stata individuata per la prima volta alla fine di settembre e ora rappresenta il 20% dei virus sequenziati nel Norfolk, il 10% in Essex e il 3% nel Suffolk. "Non ci sono dati che suggeriscano che fosse stato importato dall'estero, quindi è probabile che si sia evoluto nel Regno Unito", ha detto.


Questa variante si diffonde più rapidamente?
Matt Hancock, il responsabile della Sanirà inglese, ha dichiarato alla Camera dei Comuni il 14 dicembre che l'analisi iniziale ha mostrato che la nuova variante "potrebbe essere associata" al recente aumento dei casi nel sud-est dell'Inghilterra.
Il professor Loman ha spiegato: "Questa variante è fortemente presente nelle zone stiamo assistendo a tassi crescenti di covid-19. È una correlazione, ma non possiamo dire che sia causalità. Ma c'è una crescita sorprendente, motivo per cui siamo preoccupati e ha bisogno di un follow-up e di un'indagine urgenti ".
È prevedibile una mutazione?
SARS-CoV-2 è un virus a RNA e le mutazioni sorgono naturalmente quando il virus si replica. Sono già emerse molte migliaia di mutazioni, ma è probabile che solo una piccolissima minoranza sia importante e modifichi il virus in modo apprezzabile. COG-UK afferma che attualmente ci sono circa 4000 mutazioni nella proteina spike.
Sharon Peacock, direttrice di COG-UK, ha dichiarato al briefing del Science Media Center: “Le mutazioni sono previste e sono una parte naturale dell'evoluzione. Molte migliaia di mutazioni sono già emerse e la stragrande maggioranza non ha alcun effetto sul virus, ma può essere utile come codice a barre per monitorare le epidemie ".
La nuova variante è più pericolosa?
Non lo sappiamo ancora. Le mutazioni che rendono i virus più infettivi non li rendono necessariamente più pericolosi. Sono già state individuate numerose varianti nel Regno Unito. Ad esempio, si ritiene che la variante D614G abbia aumentato la capacità di trasmissione del virus ed è ora il tipo più comune in circolazione nel Regno Unito, sebbene non sembri provocare patologie più gravi. Il laboratorio di Public Health England a Porton Down sta attualmente lavorando per capire se la nuova variante aumenti o diminuisca la gravità della malattia.
Il vaccino funzionerà ancora?
La nuova variante presenta mutazioni nella proteina spike che i tre principali vaccini stanno prendendo di mira. Tuttavia, i vaccini producono anticorpi contro molte aree della proteina spike, quindi è improbabile che un singolo cambiamento renda il vaccino meno efficace. Nel tempo, man mano che si verificano più mutazioni, potrebbe essere necessario modificare il vaccino. Questo accade anche con l'influenza stagionale, che muta ogni anno, e il vaccino viene adeguato di conseguenza. Il virus SARS-CoV-2 non muta rapidamente come il virus dell'influenza e i vaccini che finora si sono dimostrati efficaci nelle prove sono tipi che possono essere facilmente modificati se necessario.