Influenza in arrivo, si stimano tra i sei e gli otto milioni di casi in Italia

Il professor Pregliasco: "Sono state individuate due varianti di tipo A e una nuova variante di tipo B". Incontro al Ministero della Salute con le categorie dei farmacisti per la disponibilità dei vaccini

Influenza

Influenza

Salute 17 settembre 2020
Ci siamo. L'estate è agli sgoccioli e puntuale, con l'autunno, arriva l'influenza stagionale. Si stimano tra 6 e gli 8 milioni di casi in Italia e quest'anno, in tempo di epidemia da Sars-Cov-2, i classici timori sono moltiplicati. "Guardando a quello che sta accadendo nell`emisfero australe - ha spiegato il professor Pregliasco - sappiamo che sono state individuate due varianti di tipo A e una nuova variante di tipo B".
Proprio oggi c'è stato un nuovo incontro tra i rappresentanti del Ministero della Salute e di Fofi, Federfarma e Assofarm per discutere della disponibilità dei vaccini antinfluenzali nelle farmacie di comunità. I rappresentanti dei farmacisti e delle farmacie hanno naturalmente convenuto sulla necessità di assicurare la massima copertura possibile contro l`influenza stagionale alle categorie a rischio - bambini, anziani e malati cronici. Hanno anche ribadito l`importanza di poter garantire, per limitare la circolazione del virus influenzale, analoga copertura alla popolazione attiva: le persone che ogni giorno si recano al lavoro, frequentano i mezzi pubblici e hanno una più intensa vita di relazione. E` senz`altro un fatto positivo che le Regioni abbiano deciso di destinare una parte di vaccini alle farmacie, ma la quantità prevista - circa 250mila dosi - è assolutamente insufficiente a raggiungere questo obiettivo, soprattutto quest`anno, quando si prevede un notevole aumento della richiesta, che potrebbe raggiungere 1,5 milioni di dosi rispetto a una media di circa un milione. Il Ministero, si spiega, ha convenuto sulla correttezza di queste osservazioni e ha attivato i dovuti canali per trovare entro i prossimi giorni una soluzione che consenta di rispondere ai bisogni della popolazione non compresa nelle categorie a rischio.