Covid-19 e bambini, ecco tutto quello che sappiamo fino ad oggi

Il direttore del National Institutes of Health ha intervistato Diana Bianchi, una delle più note studiose mondiali di pediatria. Che ha lanciato l'allarme sulla sindrome infiammatoria multi-sistemica

Covid-19 e bambini, il punto sulla pandemia

Covid-19 e bambini, il punto sulla pandemia

Salute 13 agosto 2020
Francis Collins, il direttore del National Institutes of Health, ha intervistato Diana Bianchi, una delle più note studiose mondiali di pediatria, direttrice dell'Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) del NIH. Bianchi vanta una lunga esperienza in medicina neonatale, neonatologia e genetica riproduttiva.
Di recente sono state pubblicate molte ricerche interessanti su infanzia e Covid-19. In un ampio studio realizzato in Corea del Sud i ricercatori hanno tracciato la diffusione da persona a persona della SARS-CoV-2 nei primi giorni della pandemia. E' stato scoperto che i bambini di età inferiore ai 10 anni diffondono il virus agli altri molto meno spesso degli adulti, sebbene il rischio non sia zero. Ma i bambini di età compresa tra 10 e 19 anni sono risultati contagiosi quanto gli adulti.
Collins ha chiesto alla dottoressa Bianchi perché?
"I fattori biologici giocano sicuramente un ruolo. Sappiamo che il virus spesso entra nel corpo attraverso le cellule nel passaggio nasale. Un recente studio ha dimostrato che, rispetto agli adulti, le cellule nasali dei bambini hanno meno recettore ACE2 , a cui il virus si lega e utilizza per infettare le cellule. Nei bambini, il virus probabilmente ha meno possibilità di aggrapparsi alle cellule e di entrare nel tratto respiratorio superiore. È importante sottolineare che anche le ragioni sociali giocano un ruolo nell'analisi delle percentuali. I bambini sono stati in gran parte isolati da marzo, quando molte scuole sono state chiuse".
Collins : Se i bambini vengono infettati da SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, che tipo di sintomi manifestano?
Bianchi: I bambini tendono ad essere leggermente colpiti. Pochi finiscono in unità di terapia intensiva. I sintomi più comuni sono: febbre, in circa il 60 per cento dei bambini; tosse; e una lieve malattia respiratoria. È una presentazione clinica diversa. I bambini sembrano essere più inclini a vomito, diarrea, forti dolori addominali e altri problemi gastrointestinali.
Collins: I bambini sono contagiosi quanto gli adulti?
Bianchi : Sospettiamo che i ragazzi più grandi probabilmente lo siano. Una meta-analisi pubblicata di recente su The Lancet ha anche rilevato che circa il 20% dei bambini infetti è asintomatico.
Collins: Iniziamo purtroppo ad avere informazioni sulla MIS-C legata a Covid-19 nei piccoli, la sindrome infiammatoria multi-sistemica. Di cosa si tratta?
Bianchi: Nessuno dei bambini infetti da SARS-CoV-2 in Cina o in Giappone ha sviluppato MIS-C. Sembrava essere qualcosa più legata alla pandemia in Europa, prevalentemente Regno Unito, Italia e Francia. E poi, a partire da aprile e maggio, abbiamo avuto i primi casi a New York e negli Stati Uniti nordorientali. Lo 0,5 per cento dei bimbi che ha il MIS-C è gravemente malato. Quasi tutti finiscono in terapia intensiva. I pazienti presentano con più di una febbre prolungata. Possono avere dolori addominali molto gravi. In alcuni casi, si pensa che i bambini abbiano l'appendicite, ma non è così. Hanno gravi problemi cardiaci e sono sotto shock. La buona notizia è che la maggioranza sopravvive. Molti richiedono ventilatori e supporto per la pressione sanguigna. Ma rispondono al trattamento. Tendono a uscire dall'ospedale in circa una settimana. Tuttavia, in due studi di MIS-C recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine , sei bambini su 300 in cura sono morti. Per noi è troppo. Dobbiamo trovare una cura ed evitarlo.