Qualche dubbio sull'uso delle mascherine? Ecco gli studi che dovete leggere

Una carrellata di ricerche scientifiche tra le più importanti al mondo spiegano, passo dopo passo, che la mascherina è il primo gesto di protezione per difenderci dal coronavirus

Come usare correttamente le mascherine

Come usare correttamente le mascherine

Salute 13 ottobre 2020
Molti studi recenti raccomandano l’impiego delle mascherine per la possibilità che offrono di interferire nei meccanismi di trasmissione e contagio del coronavirus. Il loro impiego potrebbe ridurre la gravità dell’infezione nei soggetti che comunque contraggono la malattia. Una risposta definitiva su quanto funzionino le mascherine facciali e quando usarle non c’è, ma rispetto all’inizio della pandemia da SARS-Cov2 oggi sono disponibili diverse prove che ne confermano l’efficacia d’uso.

Effetti correlati all’uso di mascherine

Diverse analisi hanno contribuito ad aggiungere prove sull’efficacia dell’uso di mascherine. Tra queste uno studio  che ha esaminato 200 paesi e ha rilevato che gli aumenti settimanali della mortalità pro capite erano quattro volte inferiori nei luoghi in cui le mascherine erano usate normalmente o rese obbligatorie da disposizioni governative, rispetto ad altre regioni. Per esempio negli Stati Uniti la raccomandazione all’uso di mascherine tra aprile e maggio 2020 ha ridotto la crescita dei casi di COVID-19 fino a 2 punti percentuali al giorno, con una stima conseguente di circa 450.000 casi evitati.

Questi studi si basano sul presupposto che la raccomandazione all’impiego delle mascherine sia applicata in modo omogeneo e che le persone le indossino correttamente. Inoltre, l'uso della mascherina spesso coincide con altri cambiamenti, come i limiti alle riunioni e il distanziamento sociale, variabili confondenti che complicano l’interpretazione dei risultati. Ciò nonostante c’è un consenso emergente sul fatto che l'uso della mascherina protegga chi la indossa e anche gli altri che ne vengono a contatto.

Mascherine e carica virale

In un articolo pubblicato sul Journal General internal Medicine si ipotizza che l’impiego di mascherina riduca la dose di virus che chi la indossa potrebbe ricevere, determinando infezioni più lievi o addirittura asintomatiche. Elemento che potrebbe migliorare l'immunità a livello di popolazione senza aumentare il peso di malattie gravi ad elevato indice di mortalità.

Mascherine e diffusione del virus

Il virus viaggia nell'aria e diffonde l'infezione nel momento in cui una persona respira o parla, starnutisce o tossisce, e uno spruzzo di particelle liquide si libera per via aerea sotto forma di goccioline (visibili e uniformi) e aerosol (microscopiche). Le goccioline nell'aria risentono della gravità, ma possono atterrare sugli occhi, sul naso o sulla bocca di una persona vicina e causare infezioni. Gli aerosol, al contrario, possono fluttuare nell'aria per minuti o ore. Questo è determinante per la capacità delle mascherine di impedire la trasmissione di COVID-19. Infatti benchè il virus abbia un diametro di 0,1 µm la mascherina lo può bloccare perché sono le goccioline e gli aerosol che lo trasportano che hanno un diametro maggiore variabile da 0,2 µm a centinaia di micrometri.

Mascherina e tipologia di materiale

I respiratori N95 effettivamente filtrano circa il 90% degli aerosol in ingresso fino a 0,3 µm, mentre si stima che le mascherine chirurgiche e simili abbiano un’efficacia del 67% nel proteggere chi le indossa. Esperti di ingegneria ambientale sostengono che una maglietta di cotone può bloccare metà degli aerosol inalati e quasi l'80% degli aerosol espirati di 2 µm di diametro. Una volta che si arriva ad aerosol di 4-5 µm, quasi tutti i tessuti possono bloccare più dell'80% in entrambe le direzioni. Mascherine multistrato di materiali diversi (cotone e seta) sono più efficienti di quelle composte da un unico materiale.

Mascherine e misure di mitigazione

La trasmissione per via aerea di COVID-19 è la modalità dominante di diffusione della malattia. Lo studio pubblicato sui Proceeding National Academy of Science  ha Analizzato la tendenza e le misure di mitigazione a Wuhan, Italia e New York City, dal 23 gennaio al 9 maggio 2020, illustrando che l’impatto delle misure di mitigazione sono distinguibili dall’ andamento della pandemia. L’analisi ha mostrato che la differenza con e senza mascherina facciale obbligatoria rappresenta il fattore determinante nel plasmare le tendenze pandemiche nei tre epicentri. Questa misura di protezione da sola ha ridotto il numero di infezioni, in Italia di oltre 78.000 dal 6 aprile al 9 maggio e a New York City di oltre 66.000 dal 17 aprile al 9 maggio.

In conclusione è ammissibile affermare che indossare mascherine in pubblico è il mezzo più efficace per prevenire la trasmissione interumana, e questa pratica poco costosa, insieme al simultaneo distanziamento sociale, quarantena e tracciamento dei contatti, rappresenta attualmente la corretta strategia di contrasto alla pandemia da COVID-19.