Il Covid-19 nei piccoli individuato a Padova: allarme per la sindrome multisistemica

Colpita una bimba di 5 anni. La sindrome infiammatoria multi-sistemica, detta  MIS-C, è al centro di nuovi studi dei pediatri nel mondo. Un virus terribile ma per fortuna non sempre letale

Il caso della bimba di padova

Il caso della bimba di padova

Salute 18 agosto 2020
C'è anche una bambina di 5 anni,ricoverata in terapia intensiva nell''azienda ospedaliera di Padova, tra i pazienti Covid che destano preoccupazione in Veneto, dopo la ripresa dei contagi nelle ultime settimane. La piccola è attualmente intubata, come spiega una nota dell'ospedale, riferendosi genericamente ad "un minore" tra i 4 pazienti in terapia intensiva. Accolta pochi giorni fa al pronto soccorso pediatrico, la bambina, che vive con i genitori in città, manifestava seri sintomi respiratori dovuti ad una infezione non ancora del tutto confermata. Sottoposta a tampone la bimba è  risultata positiva al Covid 19.
La piccola, a giudicare le dichiarazioni dell'Ospedale di Padova in tv,  potrebbe aver sviluppato una grave malattia che è al centro degli studi attuali pediatrici sulla pandemia: la sindrome infiammatoria multi-sistemica, detta  MIS-C. Come è noto i bambini danno buone risposte al virus e reagiscono bene come abbiamo riportato lo scorso 13 agosto citando un'intervista tra due esperti di fama mondiale: il direttore del National Institutes of Health e Diana Bianchi, una delle più note studiose mondiali di pediatria
Bianchi spiega che "lo 0,5 per cento dei bimbi che ha il MIS-C è gravemente malato. Quasi tutti finiscono in terapia intensiva. I pazienti presentano con più di una febbre prolungata. Possono avere dolori addominali molto gravi. In alcuni casi, si pensa che i bambini abbiano l'appendicite, ma non è così. Hanno gravi problemi cardiaci e sono sotto shock. La buona notizia è che la maggioranza sopravvive. Molti richiedono ventilatori e supporto per la pressione sanguigna. Ma rispondono al trattamento. Tendono a uscire dall'ospedale in circa una settimana. Tuttavia, in due studi di MIS-C recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine , sei bambini su 300 in cura sono morti. Per noi è troppo. Dobbiamo trovare una cura ed evitarlo".